Ogni quanto tempo si dovrebbe dar da mangiare al coniglio pigmeo?

coniglioPiccolo, morbido ed estremamente carino: i conigli pigmei sono così popolari grazie al loro ottimo carattere e l’aspetto tenero. Essere dei proprietari di conigli pigmei comporta un certo livello di responsabilità che non bisognerebbe mai sottovalutare. È importante offrire loro un ambiente su misura per loro e soddisfare le loro esigenze in modo da farli stare bene e permettergli di godere di una vita sana e lunga. Non sono solo le condizioni di vita ad essere importanti per questo animale, ma anche lo spazio a disposizione, infatti una gabbia piccola non è adatta a questo roditore. Inoltre hanno bisogno di una cura speciale in termini di arredamento della gabbia: quest’ultimo deve essere in grado di offrire loro un modo per rimanere attivi. Per questo motivo devono essere presenti degli oggetti come piccole casette, giocattoli e scale. Inoltre, non deve mancare l’attività con altri conigli. Infine, bisogna curare la loro alimentazione.

I conigli pigmei mangiano piccole quantità di cibo poche volte al giorno. Per questo motivo è importante offrire loro un determinato pasto periodicamente mantenendo comunque una scorta costante di altri tipi di cibo. Questo articolo vi illustrerà che tipo di cibo offrire al vostro coniglio e quante spesso somministraglielo in modo che mantenga una dieta equilibrata.

Ogni quanto tempo dovrebbe essere somministrato ogni alimento?

I conigli pigmei hanno bisogno di diversi alimenti per mantenersi sani. È importante offrire loro una dieta equilibrata, sana e varia.

Acqua

Bottiglia di acquaL’acqua dovrebbe essere cambiata ogni giorno e somministrata in una piccola ciotola o tramite apposite bottigliette. È importante controllare che la bottiglietta non goccioli. Nelle giornate estive più calde dovreste controllare più volte se il vostro coniglio ha dell’acqua a disposizione, in quanto in questa stagione tendono a consumarne di più. Tuttavia non c’è bisogno di allarmarsi se il vostro coniglio pigmeo non beve tanto quanto fa normalmente. È assolutamente normale. Nel loro habitat naturale i conigli pigmei assumono acqua attraverso la rugiada o l’umidità delle piante delle quali si nutrono, ciò significa che i conigli che si nutrono prevalentemente di verdure non hanno bisogno di così tanta acqua.

Fieno

fienoIl fieno è particolarmente importante per i conigli pigmei e dovrebbero sempre averne a disposizione delle grandi quantità. È importante cambiare il fieno ogni giorno, in modo che il vostro animale possa costantemente scegliere la porzione migliore. Gli animali sani rifiuteranno il fieno di bassa qualità. Di conseguenza non dovreste riciclare i rimasugli del giorno precedente se volete offrire al vostro coniglio un prodotto d’alta qualità. Il fieno è vitale per i conigli in quanto supporta la loro digestione. Non deve essere posizionato al suolo, ma in appositi contenitori appesi o poggiati al lato della gabbia. Questo alimento è particolarmente ricco in vitamine, fibre, sostanze nutritive e minerali, per questo si tratta dell’elemento più importante della dieta del coniglio pigmeo.

Verdure

verduraLe verdure devono essere somministrate regolarmente. Tuttavia, inizialmente, è necessario far abituare il coniglio lentamente in quanto il suo fisico potrebbe reagire con diarrea o dolori di stomaco. Il nostro consiglio è quello di iniziare con delle piccole porzioni e ingrandirle a poco a poco. Questo vale anche se il coniglio non mangia verdure fresche da molto tempo, per esempio durante i mesi invernali. Potrete somministrargli qualsiasi vegetale troviate sul prato selvatico. Il dente di leone è particolarmente popolare, così come altri tipi di erbe. È importante che questi vegetali siano freschi. Se conservati nel modo sbagliato potrebbero ammuffire, danneggiando la salute del coniglio e causando malattie. Le verdure sono particolarmente ricche di vitamine e altre sostanze nutritive essenziali. I denti di leone e piante simili possono essere somministrate ogni giorno senza provocare danni al vostro coniglio. È sempre meglio somministrare un quantitativo grande in modo che rimanga qualche rimasuglio sul quale il coniglio potrà tornare in un secondo momento. Un’altra caratteristica importante di questo alimento è l’alto contenuto di acqua, tanto alto da poter soddisfare il fabbisogno giornaliero del coniglio.

Frutta e ortaggi

fruta e verdurasAnche per quanto riguarda la frutta e gli ortaggi è importante che il coniglio si abitui lentamente, in quanto porterebbero provocare diarrea. La frutta è molto popolare tra gli animali domestici, questo non significa necessariamente che sia sana per loro. La frutta contiene molto zucchero, un elemento che, in dosi troppo elevate, può danneggiare la salute dell’animale. Inoltre, i conigli pigmei che ingeriscono troppi zuccheri, solitamente reagiscono con della diarrea, anche se sono abituati a mangiarla. Tuttavia, un pezzo di mela ogni tanto non provoca nessun danno. Anche se non dovrebbe mai diventare un’abitudine quotidiana. Una volta alla settimana, per esempio come premio la domenica, è sufficiente. Per quanto riguarda gli ortaggi la situazione è differente. Le carote e le insalate non sono solo ricche di vitamine e sostanze nutritive, ma sono anche particolarmente saporite ed offrono una grande varietà alla dieta del coniglio. Gli ortaggi sono ideali soprattutto nei mesi invernali o autunnali per rimpiazzare le erbe da prato. Gli ortaggi da foglia, come le insalate, sono particolarmente apprezzati. I tuberi, al contrario, dovrebbero essere evitati. Non appena il coniglio pigmeo si sarà abituato agli ortaggi, come per altre verdure, potrà mangiarli quotidianamente.

Ramoscelli

I ramoscelli sono molto popolari fra i conigli e sono importanti per mantenere i loro denti ad una lunghezza ideale. Questo è importante perché i conigli pigmei sono tra quegli animali i cui denti continuano a crescere ininterrottamente. Se diventano troppo lunghi, l’animale non può più mangiare adeguatamente, può farsi del male e provocarsi del dolore. Per questo motivo i ramoscelli non devono mai mancare. Se l’animale è già abituato agli ortaggi, un ramoscello dalle foglie fresche può essere un ottimo complemento per la loro dieta, tuttavia non bisogna somministrarglielo tutti i giorni: una volta alla settimana è sufficiente.

Alimenti secchi

cibo seccoMolti proprietari molti proprietari di conigli pigmei utilizzano quotidianamente degli alimenti secchi. Tuttavia questo alimento è particolarmente ricco di grassi. In più, l’alimento essiccato porta normalmente a superare il fabbisogno giornaliero dell’animale portandolo rendendolo sovrappeso. Molti conigli rifiutano questo alimento non perché non abbiano fame, ma perché si annoiano: solitamente scelgono i pellet migliori o più gustosi lasciando da parte il resto. Se il vostro coniglio consuma già abbastanza ortaggi, ramoscelli e fieno ogni giorno, il cibo secco non sarà necessario, ed al massimo, dovrebbe essere somministrato una volta al giorno in piccole dosi. Questa dose può essere aumentata durante i mesi invernali. Purtroppo, gli ingredienti dei cibi secchi raramente corrispondono alle esigenze naturali di questi animali. Si tratta di alimenti arricchiti con coloranti ed additivi che normalmente non vengono digeriti dai conigli pigmei.

Premi

Qualsiasi animale domestico ama essere ricompensato di tanto in tanto, ed allo stesso tempo tutti i padroni amano fare un regalo al proprio animale. I dolci, come lo yogurt o le caramelle, dovrebbero evitarsi sempre.  Possiedono un valore nutrizionale molto basso e non contengono vitamine. Al contrario, contengono un alto valore energetico e sono ricchi di grassi, una caratteristica che può condurre facilmente l’animale ad una situazione di sovrappeso.

Tipo di alimento Caratteristiche e frequenza di somministrazione
Acqua
  • da somministrare fresca e quotidianamente
  • da somministrare costantemente
  • in una ciotola o in una bottiglietta apposita
  • cambiare l’acqua diverse volte al giorno durante le giornate estive
Fieno
  • da somministrare costantemente
  • da cambiare ogni giorno
  • rimuovere quotidianamente il fieno vecchio
  • importante per la digestione
  • importante per i denti
  • utilizzare unicamente fieno di alta qualità
  • ricco di vitamine, minerali ed altre sostanze nutritive
  • da somministrare in un apposito contenitore
Verdure:
  • da somministrare quotidianamente
  • è necessario far abituare lentamente il coniglio
  • aumentare la razione a poco a poco
  • da raccogliere fresche
  • può essere offerto in quantità elevate
  • ricco di vitamine, minerali, proteine ed altre sostanze nutritive
  • può essere utilizzato come alimento completo
  • da somministrare in grandi quantità in modo che rimangano degli avanzi
Ortaggi
  • possono essere somministrati quotidianamente
  • gli ortaggi da foglia sono particolarmente sani (insalate)
  • alternativa ideale alle verdure da prato
  • è necessario far abituare lentamente il coniglio
  • ricchi di vitamine, oligoelementi e sostanze nutritive
  • i tuberi sono da evitare
  • da somministrare in quantità maggiore durante l’inverno
Frutta
  • da somministrare raramente
  • contiene molti zuccheri non tollerati dai roditori
  • un pezzo di mela ogni tanto è sufficiente
  • causa comune di diarrea
Alimenti secchi
  • somministrare solo in piccole quantità, se necessario, le verdure sono normalmente sufficienti
  • non soddisfano il fabbisogno giornaliero dell’animale
  • contengono troppi additivi
  • i conigli solitamente mangiano solo le parti più gustose
  • contengono molti grassi
Premi
  • possibilmente da evitare in qualsiasi occasione
  • basso contenuto nutritivo
  • ricchi di grassi e calorie
  • contribuiscono al sovrappeso
  • non fanno parte della dieta naturale

Conclusione:

Come per altri animali, è importante tenere a mente le necessità del coniglio pigmeo e adattare la loro dieta su queste basi. Dato che in natura i conigli si nutrono esclusivamente di radici, ramoscelli ed erbe, evitare completamente gli alimenti di produzione industriale non è sbagliato. Le quantità cambiano anche a seconda dell’appetito dell’animale Una volta che il coniglio ha preso confidenza con il nuovo alimento, non dovrete temere effetti negativi.

© Claudia Paulussen – shutterstock.com © Attasuntorn Traisuwan – shutterstock.com © Ostancov Vladislav – shutterstock.com © Skumer – shutterstock.com © Ermolaev Alexander – shutterstock.com © JIANG HONGYAN – shutterstock.com